banner
banner
banner

SULMONA – “E’ stata tradita la parola data e la fiducia riposta”. Così il candidato alla Presidenza della Regione, Marco Marsilio, commenta le candidature dell’ultimo minuto che hanno spiazzato la coalizione. Una di queste è quella del sindaco di Prezza, Marianna Scoccia. “Apprendo con stupore e rabbia che nelle liste dell’Udc sono candidati Scoccia e Olivieri, nonostante il fatto che i partiti della coalizione di centrodestra avessero posto un veto politico sulla loro presenza. I dirigenti dell’Udc avevano dato la loro parola sul fatto che avrebbero rispettato le indicazioni della coalizione e come candidato presidente designato dal centrodestra mi ero fatto veramente portavoce (ndr) di tale accordo”- interviene Marsilio che fa capire di essere stato colto di sorpresa e quindi di non aver controllato l’ultimissima fase delle trattative. “Prendo atto che è stata tradita la parola data e la fiducia riposta, e che qualcuno ha voluto fare un grave e stupida forzatura che non può che portare, come conseguenza inevitabile, l’esclusione dell’Udc dalla coalizione della futura maggioranza in Consiglio Regionale. Il tempo dei sotterfugi, degli imbrogli e dei trasformismi deve finire. Mi dispiace che tanti candidati in buona fede dell’Udc e rispettabili esponenti di diversi movimenti che compongono la lista dell’Udc, partire dal movimento Idea di Gaetano Quagliariello, siamo rimasti coinvolti in questo deprecabile giochino a causa di qualche irresponsabile”- chiosa Marsilio. E’ guerra aperta nel centrodestra. Sarà davvero possibile esclude l’Udc dalla coalizione? Certo è che la forzatura dell’ultimo minuto non è piaciuta.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento