banner
banner

L’AQUILA – Una donna della provincia di Roma, in gita sul Gran Sasso con alcuni amici, si è infortunata cadendo lungo la direttissima. Un altro alpinista, che ha assistito all’incidente, ha dato l’allarme utilizzando l’applicazione Georesq, il servizio, gestito dal Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico e dal Cai, di geolocalizzazione e inoltro delle richieste di soccorso. L’allarme è stato ricevuto da una centrale operativa in Sardegna ed immediatamente trasmesso all’Aquila. Il pilota dell’elicottero del 118 approfittando di un’apertura nel fronte nuvoloso è riuscito a volare sul Gran Sasso portando soccorso alla donna infortunata, pare ad una spalla. Sul posto, immediatamente individuato, si sono calati col verricello un tecnico ed un sanitario, che hanno sistemato la donna sulla barella e trasportata all’ospedale San Salvatore dell’Aquila.
Il GeoResQ è un servizio di geolocalizzazione e di inoltro delle richieste di soccorso dedicato a tutti i frequentatori della montagna ed agli amanti degli sport all’aria aperta.
Il servizio, è gestito dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e promosso dal Club Alpino Italiano (CAI) consente di determinare la propria posizione geografica, di effettuare il tracciamento in tempo reale delle proprie escursioni, garantisce l’archiviazione dei propri percorsi sul portale dedicato, ed in caso di necessità l’inoltro degli allarmi e delle richieste di soccorso attraverso la centrale operativa GeoResQ. Il sistema consente di raggiungere rapidamente la località interessata senza ricorrere ad estenuanti ricerche, talvolta infruttuose.
Gaetano Trigilio

Lascia un commento