banner
banner

SULMONA – I Cinque Stelle hanno trovato una sede alternativa per la visita del Vice Premier, Luigi Di Maio, in programma il 18 gennaio alle 18 all’hotel Manhattan Village di Sulmona. Ma nelle piazze e nei quartieri della città scoppia la polemica. Per i sulmonesi negare l’uso del Teatro Comunale “M. Caniglia” di Sulmona a Di Maio non è il massimo della correttezza anche se il regolamento parla chiaro: il Teatro si può concedere per una visita istituzionale ma non per propaganda elettorale. Anche di fronte al rispetto delle norme gli intervistati della nostra raccolta di opinioni dicono la loro. “Si poteva cercare di trovare una soluzione diversa magari optare per una deroga visto che in città arriva un’alta carica dello Stato”- fanno notare alcuni sulmonesi mentre altri preferiscono restare fuori da una vicenda che- a lodo dire- appassiona solo gli addetti ai lavori. La delibera di concessione del Teatro prevede che “l’uso del Teatro non potrà prevedere alcuna manifestazione di carattere propagandistico-elettorale in vista delle prossime elezioni regionali fissate per il 10 febbraio, con l’avvertenza che l’eventuale uso difforme o in contrasto rispetto a tali previsioni sarà sanzionato ai sensi di legge”. Dinanzi a un rischio di sanzioni o comunque di contravvenire le norme, perché si sapeva già in partenza che la visita di Di Maio è a sfondo elettorale, gli organizzatori hanno cambiato location all’ultimo minuto.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento