banner
banner
banner

SULMONA – Non ingannare il consumatore e far passare la filosofia della tutela del marchio e del prodotto per far emergere e conservare l’identità di un territorio. Questo il senso del seminario “quali strumenti di tutela dell’eccellenze del territorio”, promosso dalla Camera di Commercio sulla funzione dei marchi Igp, Doc, Dop e Docg. Un’esigenza sempre più dominante nell’attuale mercato. Basti pensare all’aglio rosso di Sulmona, candidato per il riconoscimento europeo Igp. “Il prodotto va certificato, è importante il marchio perché in questo modo noi diamo un’identità al prodotto che facilita il consumatore nella scelta e nella rintracciabilità dello stesso”, fa notare Massimiliano Volpone della Coldiretti L’Aquila. “Il marchio identifica anche il prodotto con il territorio e quindi si crea un bagaglio di cultura e tradizioni che evita la delocalizzazione”, aggiunge Volpone. Il rappresentante della Coldiretti non ha mancato di sottolineare l’importanza del gioco di squadra che deve ridestare un interesse territoriale intorno al tema della tutela del marchio. Al seminario della Coldiretti, svoltosi a Palazzo Mazzara, hanno partecipato le varie organizzazioni professionali unitamente all’assessore comunale all’agricoltura Alessandra Vella.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento