banner
banner

“Conto Negli Appalti” è il progetto presentato da CNA Abruzzo e patrocinato dall’ANCI Abruzzo, l’Associazione dei Comuni d’Italia con lo scopo di aiutare le micro imprese a superare le difficoltà delle gare d’appalto dalle quali sono quasi totalmente escluse. Solo il 17% può accedere alle gare, pur rappresentando ben il 96% del totale delle imprese: e di queste solo il 5% se ne aggiudica uno, e la nostra regione non fa eccezione. Nonostante il Paese vanta il più grande patrimonio di piccole e piccolissime imprese non mette in atto politiche in grado di favorirne la partecipazione al mercato degli appalti, al pari di quanto avviene negli altri stati industrializzati, né si adopera per ridimensionarne peso e valore. I dati 2020 alla mano, le imprese con un numero di addetti compreso tra 0 e 9, ovvero le micro imprese, ammontano a 846.075 unità, di cui poco meno di 500.000 del comparto costruzioni: eppure il 43% delle procedure di gara è di fatto prerogativa riservata solo alle imprese di maggiori dimensioni. Ad illustrare il progetto è Marco Terrei, coordinatore del documento: «Siamo convinti che si possa aumentare la possibilità a un gruppo di imprese di partecipare alle gare degli enti territoriali, divenirne sempre più spesso aggiudicatari. Abbiamo incontrato più di cento imprese con cui ci siamo confrontati sul nuovo strumento: idea forza è il concetto di “rete”, che si è creata con loro e con lo staff che li seguirà in ogni fase. Di grande rilievo è un secondo aspetto, che definirei mutualistico/associativo: le imprese più strutturate, con maggiori competenze ed esperienza, prenderanno con loro quelle di più piccole dimensioni e, come accade in ogni famiglia dove il fratello maggiore protegge e aiuta il fratello minore, e ne faranno dei partner negli appalti che realizzeranno».

Lascia un commento