banner
banner

Pratola Peligna – Appuntamento con la storia per il calcio pratolano perché domenica prossima potrebbe essere sancito il ritorno in Eccellenza dopo 23 anni. La partecipazione al massimo campionato regionale risale fino al 1993. Il Pratola dopo aver vinto la Promozione disputò nella stagione ‘92/’93 il campionato di Eccellenza che fu introdotto proprio da quell’anno. La società era capitanata dal presidente Mario D’Andrea e la squadra era guidata dal compianto Guido Liberati. Il 26 aprile dello scorso anno in occasione della gara tra il Pratola ed il Guido Liberati Avezzano venne ricordata la figura di mister Liberati grazie alla presenza dei figli Paola e Claudio che gestiscono la squadra nata in onore del padre. In quella stagione venne inoltre inaugurato il manto erboso dello stadio Ezio Ricci. Pratola Peligna con i Nerostellati ha ora la concreta possibilità di tornare in Eccellenza se dovesse vincere la finalissima di domenica prossima a Pineto contro il Passo Cordone. Ex d’eccezione sarà l’allenatore degli aprutini Eugenio Natale che guidò il Pratola nel 2010/2011 vincendo il campionato di Prima Categoria. Altro ex sarà il portiere Andrea Zampacorta, pupillo del tecnico Natale che lo portò a Pratola nella stagione trionfale del ritorno in Promozione. Dopo il piacevole amarcord si arriva ai giorni nostri con i tifosi pratolani che sperano di poter rivivere i fasti di una volta festeggiando domenica prossima il ritorno in Eccellenza. I Nerostellati arrivano alla finalissima dopo aver superato nella semifinale e nella finale del girone A di Promozione il San Gregorio ed il Sant’Omero mentre il Passo Cordone, qualificatosi direttamente alla finale del girone B, ha avuto la meglio rispetto alla Pro Sulmona. Il punto di forza della squadra di Natale è l’attaccante Francesco Pizzola autore di 17 reti mentre sarà assente per squalifica il bomber dei Nerostellati Maxi Palombizio. “Raccogliamo i frutti di un anno – afferma il trainer pratolano Matteo Di Marzio – ma non abbiamo fatto ancora nulla. Se saremo bravi giungeremo ad un traguardo storico che manca da oltre venti anni, ci stiamo pertanto preparando con attenzione e con la giusta fame perché se alcuni dei miei giocatori hanno già vinto campionati importanti per altri sarebbe fondamentale centrare il primo successo in carriera. Ci sarà da parte di tutti il massimo impegno perché nessuno vuol buttare via una stagione che dopo tanti sacrifici ci vede ora ad un passo dal sogno”. Il tecnico Di Marzio in questa settimana sta lavorando principalmente per recuperare le forze mentali: “E’ vero che la fisicità, la corsa, la tecnica e la tattica sono al primo posto però bisogna recuperare quelle capacità mentali in grado di farti andare oltre lo sforzo fisico per raggiungere il risultato sperato che un’intera comunità attende da tantissimi anni”. La supersfida allo stadio Mariani-Pavone di Pineto comincerà alle 16. I caso di parità dopo i novanta minuti verranno giocati due tempi supplementari di 15 minuti ciascuno. Se dovesse permanere il pareggio saranno battuti i calci di rigore.

Domenico Verlingieri

 

banner

Di Ads

Lascia un commento