banner
banner

L’AQUILA – L’Abruzzo si attesta il sesto posto tra le regioni con quasi il 40% degli studenti non hanno utilizzato automobili, ma solo mezzi pubblici.

E’ quanto emerso dall’indagine dell’associazione Openpolis.

Quindi la domanda è molto alta ed ora dovranno viaggiare a ranghi ridotti. Senza tener conto dei tanti comuni montani con un costo chilometrico delle corse relativamente alto, mentre i ricavi del traffico sono sensibilmente inferiori, per la scarsa densità abitativa, e il costo basso delle tariffe.

Un tema emerso dopo la presentazione dei nuovi 19 autobus di ultima generazione dalla Tua, la società regionale del trasporto pubblico,  che daranno provvidenziale manforte proprio in tempo utile per la riapertura delle scuole.

Il governatore Marsilio ha ribadito la necessità da parte del governo di destinare risorse aggiuntive per maggiori costi e minori ricavi. Invertendo un trend che ha fatto sì  che rispetto al 2015 è stata registrata una riduzione della contribuzione pubblica di circa 14 milioni di euro l’anno al solo Abruzzo. Anche perché la crisi covid porterà al termine del 2020 ad una perdita di ricavi per 12-14 milioni di euro.

 

banner

Lascia un commento