banner
banner
banner

SULMONA –  Sarebbe stato accoltellato fuori un locale al termine di un’accesa discussione. Protagonista della vicenda è un giovane di 30 anni residente a Sulmona che è finito in ospedale, rimediando sette giorni di prognosi nonché una ferita importante alla schiena. Il grave episodio si è verificato nella prima serata dello scorso lunedì a Pratola Peligna. Erano da poco passate le 21 quando due giovani, all’esterno di un bar della cittadina, avrebbero ingaggiato una discussione per futili motivi, degenerata con l’uso dell’arma. Stando ad una prima ricostruzione il 30 enne sarebbe stato raggiunto da una coltellata alla schiena. Non ha chiamato i soccorsi ma si è recato con i mezzi personali al pronto soccorso dell’ospedale di Sulmona per farsi medicare e sottoporsi alle cure del caso. Fortunatamente se la caverà con poco. I sanitari del locale nosocomio hanno giudicato guaribili le lesioni personali, procurate dall’uso dell’arma, con una prognosi di sette giorni, al lordo di ulteriori consulenze e accertamenti. Sul caso stanno indagando gli operatori del Commissariato Ps di Sulmona, coordinati dal Vice Questore aggiunto Antonio Scialdone, che hanno identificato e individuato il presunto autore dell’aggressione e lo hanno denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di lesioni personali aggravate. Si tratta di un 36 enne di origine albanese residente a Pratola Peligna. Un’aggressione che sarebbe stata perpetrata per gelosia secondo gli inquirenti, visti i trascorsi e i rapporti tra i due, mentre per la vittima i motivi della lite non sono così chiari. “Sicuramente può aver influenzato ma non saprei spiegare il perché”- racconta il malcapitato 30 enne- “fortunatamente mi è andata bene”.  Fatto sta che le indagini eseguite dalla Polizia hanno comunque permesso, a stretto giro, di assicurare alla giustizia il 36 enne, ritenuto responsabile dell’aggressione. (a.d’.a.)

banner

Lascia un commento