banner
banner
banner

SULMONA – Prima il rumore dello scoppio di un pneumatico e poi le sirene spiegate dei Vigili del Fuoco che hanno spento il principio d’incendio evitando il peggio. L’ennesima notte di fuoco e preoccupazione si è consumata ieri in via della Cona, a Sulmona, nel quartiere di Santa Maria della Tomba e di Porta Napoli. Ad essere danneggiata dalle fiamme è stata una Fiat Panda, di proprietà di un poliziotto in pensione residente nella zona, che aveva parcheggiato l’automobile nell’intersezione con via circonvallazione occidentale. Erano passate le 21 quando un abitante del quartiere ha avvertito lo scoppio del pneumatico che ha dato vita a una piccola esplosione. E’ scattata quindi la telefonata al centralino del 115 per l’intervento sul posto che si è rivelato provvidenziale. I Vigili del Fuoco hanno spento il principio d’incendio evitando che la propagazione delle fiamme sulla catena di auto parcheggiate nel punto dove è stato appiccato il rogo. Per i rilievi di rito è intervenuta la Polizia che ha ascoltato il vicinato per raccogliere indizi ed elementi utili all’indagine. Ad occuparsi del caso è la Squadra Anticrimine del Commissariato di Sulmona, coordinata dall’ispettore superiore Daniele L’Erario, che avrà il compito di accertare la natura del rogo anche se, stando alla dinamica, tutto lascerebbe pensare a un gesto intenzionale. Le fiamme sarebbero partite dalla ruota posteriore per arrivare poi al serbatoio e dar vita all’esplosione. E’ stata quindi aperta l’inchiesta per incendio doloso e informata della vicenda la Procura della Repubblica di Sulmona. Nello stesso punto dove si è verificato l’incendio era parcheggiata un’altra auto, praticamente identica a quella danneggiata dalle fiamme, ma è difficile pensare allo scambio come pure non sarebbe percorribile l’ipotesi di una ritorsione o regolamento di conti. Si pensa quindi a un semplice dispetto ma è ancora presto per essere più precisi. L’intero quartiere si è riversato in strada per quella che è stata un’altra notte di preoccupazione. Solo una settimana fa un altro incendio si era verificato nella famigerata via Avezzano. Anche in quel caso si è trattato di un atto doloso.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento