banner
banner

SULMONA – Ancora non vaccinati ricoverati in ospedale tra cui un giovanissimo. Nella notte sono scattati altri due trasferimenti in seguito al contagio da Coronavirus. Il primo riguarda una donna sulmonese di 60 anni, non vaccinata pur essendo in età adulta, che si è recata in ospedale dopo la comparsa dei tipici sintomi dell’infezione da Covid-19. La diagnosi del personale sanitario dell’area grigia dell’ospedale cittadino ha evidenziato un quadro clinico che richiede la somministrazione della terapia specifica ospedaliera. Per questo la donna è stata ricoverata nel reparto malattie infettive del nosocomio di Avezzano. Stessa sorte è toccata per un 20 enne domiciliato a Sulmona che nella notte è stato accompagnato in ospedale dopo la manifestazione dei sintomi. I medici hanno scoperto la polmonite bilaterale, ovvero la classica polmonite da Covid, disponendo il trasferimento del giovanissimo nel reparto malattie infettive dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila, nonostante la tenera età. Questo a conferma dell’importanza della protezione con il vaccino anche per i più giovani. Il 20 enne al momento è il più giovane dei ricoverati dell’area peligno-sangrina. I posti letto occupati salgono a 6, un numero fortunatamente ancora contenuto. Tutti gli attualmente degenti non risultano vaccinati. E’ quindi un dato da evidenziare, fermo restando che recentemente il contagio ha colpito anche vaccinati con doppia dose, come nel caso della festa elettorale e degli altri fronti aperti, ma per nessuno degli ultimi positivi “protetti” si è resa necessaria l’ospedalizzazione. (a.d’.a.)

banner

Lascia un commento