banner
banner

SULMONA – Piano piano si fece Roma. Ma piano piano si può fare anche Sulmona, cioè fare comunità intorno agli scenari suggestivi e naturali del centro storico, riscoprirsi parte di un insieme, ricostruire l’identità di una città che mette insieme le sue potenzialità per essere appetibile, scelta e attrattiva, senza perdersi nel bicchiere d’acqua della polemica sterile, che pure non è mancata. Dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, il festival Muntagninjazz ha tirato fuori il meglio della patria di Ovidio, quella forza che non è fuori ma dentro i sulmonesi, anche se spesso nascosta e dimenticata per via della scarsa lungimiranza e della rassegnazione. Una ventata di ottimismo è arrivata con i film in piazza Del Carmine, l’euforia delle band che hanno fatto impazzire il centro storico, i concerti a Palazzo e il gran finale di Piano piano per Sulmona. Dalla giovanissima Lucrezia che ha fatto il suo esordio nel festival al veterano Cesare che si è improvvisato ma che rende l’idea sullo straordinario carattere aggregante della kermesse. Un programma pianificato dall’associazione culturale guidata da Valter Colasante che è stato valorizzato anche al di là del ponte San Panfilo, nel senso che funge ormai da calamita per far conoscere la città. Piano piano si fece Sulmona.

 

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com