banner
banner

SULMONA- Lesioni personali aggravate e molestie. Con queste le accuse un ex vincitore del Grande Fratello è comparso l’altro giorno davanti al giudice del Tribunale di Sulmona, Francesca Pinacchio, per la prima udienza del processo che lo vede sul banco degli imputati per le botte alla sua ex. I tentativi di conciliazione sono falliti e il giudice ha aperto il processo per l’ex gieffino. I fatti risalgono al periodo settembre 2022- gennaio 2023. Stando al castello accusatorio, l’imputato lo scorso 11 gennaio avrebbe spinto la sua ex compagna sulmonese contro la colonna della taverna, mettendole una mano sul volto e cagionandole un trauma toracico, giudicato guaribile con una prognosi di cinque giorni, come sentenziato dai medici del locale nosocomio. Inoltre, non rassegnatosi all’interruzione della convivenza e della relazione sentimentale, avrebbe molestato la sua ex con diverse chiamate e messaggi indisiderati sull’utenza telefonica, scattando alcune foto sulla vettura in uso alla famiglia della donna e ponendosi davanti all’ingresso del Tribunale di Sulmona, dove si stava svolgendo un’udienza penale, impedendo alla stessa di passare, chiedendole pure con chi stesse parlando al telefono. La nuova inchiesta è scaturita dalla denuncia-querela della vittima residente a Sulmona, assistita dall’avvocato Giovanni Passerini, e del padre di quest’ultima. Da qui l’intervento della Procura e la citazione dell’ex gieffino con giudizio immediato.

Lascia un commento