banner
banner
banner

SULMONA – Mascherine sold out in gran parte delle farmacie che ricadono sul territorio comunale. Scatta la psicosi per il coronavirus tra molti turisti e viaggiatori in partenza con voli aerei e le mascherine protettive, da alcuni giorni, risultano sold out anche in varie farmacie di Sulmona. Solo in centro storico sono state vendute circa 2800 mascherine nell’ultimo periodo. C’è chi le ha acquistate prima di partire e chi per prevenzione. Qualcuno ha richiesto delle spedizioni per tutelarsi nelle zone affollate. Le farmacie cittadine sono state quindi prese d’assalto, nel vero senso della parola, un po’ come è avvenuto del resto in altre località della Regione e della Provincia. Non si palesa ancora come una vera e propria psicosi e le mascherine sembrano essere tra le precauzioni più semplici per proteggersi. Gli esperti locali, in ogni caso, tranquillizzano, sottolineando da un lato che “la situazione è assolutamente sotto controllo e non c’è un’emergenza”, dall’altro che le mascherine comuni in vendita non sono sempre utili. Quelle che si usano per tutelare il soggetto che le indossa, infatti, sono modelli particolari, il cui reperimento è più difficile. I sintomi del Coronavirus comprendono, tra l’altro, una “sindrome respiratoria acuta e severa, da valutare in base al criterio epidemiologico, associato al fattore tempo”. Vale a dire che i soli sintomi non sono sufficienti a parlare di caso sospetto, ma sono fondamentali le circostanze, come la provenienza da uno dei luoghi a rischio o il contatto con persone che hanno contratto il virus in un determinato periodo di tempo. Molti ospedali, come avvenuto ieri all’Aquila, effettuano comunque gli accertamenti in caso di sintomi particolari per sgomberare il campo da ogni dubbio. La situazione appare sotto controllo ma, a giudicare dai numeri, Sulmona non è immune dalla psicosi.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento