banner
must

Sabato 2 luglio, nello splendido borgo lacustre di Scanno, la tradizione sarà la protagonista con la mostra M.U.S.T. “Mostra Unica Senza Tempo” volta a celebrare l’abito muliebre scannese attraverso le stampe e opere d’arte che lo hanno reso e rendono celebre nel mondo. L’abito di Scanno ha affascinato fino ad oggi generazioni di fotografi, da Henri Cartier-Bresson a Mario Giacomelli ai contemporanei Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna, Yoko Yamamoto e si è affermato nel mondo per la sua unicità e particolare caratteristica che lo rende perfetto: la grazia. must1L’evento nasce dalla collaborazione tra Fondazione FASTI (Fondo Abito Scanno Tradizione e Innovazione) e Tee Tredici, il nuovo marchio dell’artista scannese lilianaLiliana Spacone che più di tutti ha voluto la manifestazione. M.U.S.T. sarà una mostra che farà rivivere e valorizzerà il costume in tutte le sue vesti, da quello più sfarzoso del matrimonio a quello più severo della festa, passando per il consueto costume giornaliero, ma proporrà rivisitazioni che interpretano in chiave moderna i suoi elementi caratterizzanti. Siamo in una fase molto delicata: l’abito muliebre può scomparire per sempre o continuare a vivere. Un progetto per la sopravvivenza del costume è realizzabile attraverso un “abbigliamento dedicato all’abito di Scanno ”; ogni parte del costume può infatti essere attualizzato: le antiche lavorazioni delle pieghe della gonna possono essere riproposte in moderne interpretazioni, i preziosi trafori del tradizionale tombolo, mutando materiali e lavorazioni, possono tramutarsi in nuove creazioni, gli ornamenti del costume, quali i bottoni del corpetto e i gioielli indossati nei giorni di festa, possono essere rielaborati per dare vita a nuovi monili. M.U.S.T. dimostrerà come antico e moderno possano convivere in nuove forme d’arte capaci ancora di stupire ed esaltare la grande ricchezza ereditata. Il costume è un bene prezioso, da tutelare e amare, e può continuare ad essere vivo più che mai. Intrigherà poi ritrovare all’interno dell’esposizione la figura della donna in costume vista di spalle la cui identità, non rivelata, innesca curiosità e immaginazione nella mente di chi guarda per la grazia del movimento della gonna e la sontuosità del copricapo.

La mostra sarà inaugurata il 2 luglio e resterà aperta fino al 10 luglio nella chiesa di Santa Maria di Costantinopoli a Scanno, all’interno dell’evento “Scanno Borgo in Festival”, e vuole rivolgersi a chi desidera conoscere il bello del costume e agli artisti che lo hanno divulgato con le proprie opere. Sarà un “must” imperdibile da vedere, un’esplosione di arte e creatività. Non potete mancare!

 

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Per continuare ad utilizzare il sito bisogna consentire i cookie maggiori info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close