banner
banner

BUSSI SUL TIRINO – La taratura non è regolare ed è così che gli automobilisti multati dal famigerato autovelox di Bussi sul Tirino tornano ad accennare un sorriso. L’autovelox è stato posizionato nell’estate del 2019 nei pressi di Bussi sul Tirino, lungo la strada Statale 153 che collega L’Aquila alla costa pescarese. In poco tempo sono state circa 30 mila le multe che sono arrivate ai tanti automobilisti che transitano anche quotidianamente lungo la strada. “In questi giorni”- fa sapere l’avvocato aquilano Carlotta Ludovici che ha curato i ricorsi- “dopo un anno dei distanza e dopo il blocco della giustizia conseguente all’emergenza Covid, si stanno susseguendo numerose sentenze emesse dai Giudici di Pace di Pescara, tramite le quali sono stati accolti alcuni dei ricorsi presentati”. Nello specifico, tra gli altri motivi di ricorso, “nelle motivazioni delle diverse emanande pronunce giudiziarie in primis si legge dell’accoglimento dell’opposizione, ritenuta fondata in fatto e in diritto, circa la regolarità della taratura del dispositivo in questione, che non è stata comprovata dal comparente Comune”. Altri Giudici, invece, hanno ritenuto, “e a ragione – chiarisce – di accogliere l’ulteriore motivo di ricorso sollevato in merito alla mancata omologazione dell’autovelox, sulla scorta anche della copiosa giurisprudenza sia di merito che di legittimità che si è espressa di recente su questa annosa problematica”. “In buona sostanza, contrariamente a quanto sostenuto dall’Ente comunale, l’omologazione e l’approvazione non sono due procedure sinonimiche, bensì sono distinte tra di loro”- conclude l’avvocato. (a.d’.a.)

banner

Lascia un commento