banner
banner
banner

BUGNARA  -  Scendono dall’auto e lanciano un cagnolino in un giardino abbandonato per poi rimettersi a bordo della vettura e darsi alla fuga. L’ennesimo atto di barbarie verso gli animai è stato posto in essere ieri a Bugnara da alcuni ignoti che hanno abbandonato il piccolo cane, recuperato e salvato da alcune donne che hanno assistito alla scena, le stesse che hanno denunciato il grave episodio. “La mia vicina di casa ha visto lanciare in un giardino abbandonato uno splendido cagnolino”- racconta una donna- “dopodiché gli autori del gesto (ndr) si sono rimessi in macchina e sono andati su verso il paese, purtroppo però non siamo in grado di descrivere l’auto né tantomeno la persona. Io e una mia amica ci siamo infilate sotto la rete e lo abbiamo recuperato, distruggendoci con le spine, ma estremamente felici per averlo salvato. È un maschietto, bellissimo e dolcissimo”. Nessuna segnalazione è arrivata alle forze dell’ordine ma nel compenso, nel giro di poco tempo, il cagnolino è stato adottato dopo l’annuncio postato su facebook dalla donna in questione. Se da un lato c’è chi continua ad abbandonare animali, rendendosi protagonista di gesti deplorevoli, non manca il rovescio della medaglia, ovvero persone attente a debellare il triste fenomeno e a salvare animali indifesi. Nelle scorse settimane altri cani da caccia sono stati recuperati a Bugnara, feriti e abbandonati, come segnalato dal servizio veterinario Asl alla Procura della Repubblica di Sulmona che ha aperto un’inchiesta per far luce sul caso. Si ipotizza che quegli animali siano stati “scuoiati” per rimuovere il microchip e per essere poi abbandonati. Le ipotesi sono da confermare ma al peggio non c’è mai fine.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento